Vademecum per tutelare l’ambiente e gli animali e proteggere i cittadini empolesi

L’assessore Massimo Marconcini: «Grazie a LIV, alla sinergia e alla collaborazione con le realtà presenti sul territorio, nasce una rete di salvaguardia»

Vademecum per tutelare l’ambiente e gli animali e proteggere i cittadini empolesi

EMPOLI – Un vademecum rivolto a tutti i cittadini per conoscere chi contattare se ci si imbatte in rifiuti abbandonati o pericolosi, fonti di inquinamento dell’area, dell’acqua o acustiche; ma anche se si trovano animali feriti, in pericolo o pericolosi per noi stessi o per gli altri. Un elenco con tutte le possibili situazioni e il relativo soggetto e contatto utile e giusto da contattare per segnalare e chiedere aiuto.
L’iniziativa è del Comune di Empoli in collaborazione con la Lega Internazionale Vigilanza.
 

Giulia Fiori, presidente della LIV Onlus spiega: «L’iniziativa, rientra tra le buone pratiche promosse dal Ministero dell’Ambiente, della tutela del Territorio e del Mare, volta a fornire al cittadino un supporto virtuoso e un uso consapevole dei numeri utili da contattare in caso di emergenza su tutto il Comune di Empoli organizzati per categorie: rifiuti abbandonati o pericolosi, fonti di inquinamento dell’aria, del suolo e dell’acqua, animali domestici, da reddito e selvatici qualora si trovino in una condizione di abbandono, feriti, deceduti o pericolosi. Inoltre si evidenziano gli orari di intervento dei vari soggetti e si elencano le Associazioni di volontariato che affiancano le forze dell’ordine. Dalla sinergia e dalla collaborazione di tutte le realtà presenti sul territorio empolese, nasce una rete di salvaguardia dell’ambiente a protezione del cittadino». 

.

Ecco a cosa serve il Vademecum: «Si tratta di un supporto che nasce dalla esigenza del cittadino di sapere come comportarsi in situazioni diverse, perché il personale preposto non può essere capillare sul territorio, lavora su segnalazione. Il cittadino che incontra un agente inquinante o un animale ferito – prosegue Luca Bernardini, vicepresidente LIV , essendo non formato, deve essere colui che segnala a chi è formato, la problematica. Fa parte dell’essere un buon cittadino, nell’inserimento del territorio e nell’inserimento della società avere questo tipo di nozioni di base. Un ‘bugiardino’ quindi, come è stato per la raccolta differenziata, che insegna la buona condotta civica e passa attraverso la conoscenza delle Istituzioni o delle Associazioni di volontariato, che si occupano di ogni singolo settore, con la necessaria competenza e capillarità. Così da evitare sia danni all’ambiente, sia danni alla fauna e in primis preservare la salute e l’incolumità del cittadino».

Alberto Barni, legale LIV, spiega perché è stata scelta Empoli come ‘città pilota’: «Empoli è una città sostenibile, da sempre impegnata nella tutela e nella salvaguardia dell’ambiente e luogo di riferimento per le cittadine limitrofe. Sul suo territorio sorgono infatti diversi centri di recupero destinati a qualsiasi specie animale, segno di una sensibilità che la città mostra verso categorie più deboli. Per questo l’abbiamo scelta come città pilota per il progetto Vademecum-Sicurezza del cittadino, tutela ambientale e animale».

«Siamo una città sostenibile, green e sensibile alle tematiche ambientali da sempre, lo confermo. Ringraziamo la LIV per aver scelto Empoli con l’obiettivo di avviare questa interessante proposta utile a tutti i cittadini – ha detto l’assessore Massimo Marconcini -. Un quadro di tutta quella rete associativa che lavora per la tutela del nostro ambiente. Auspico che gli empolesi possano apprezzare questo vademecum che risponde a tante domande che spesso di facciamo nelle situazioni in esso considerate. Questo documento è anche la dimostrazione di quanto il nostro territorio dimostri da anni grande sensibilità per l’ambiente che ci circonda, flora e fauna. Al suo interno troviamo tutte le realtà che conosciamo e che si impegnano, come LIV, per salvaguardare e tutelare l’ambiente e gli animali».

 LIV, COS'È E DI COSA SI OCCUPA
La Lega Internazionale Vigilanza Onlus (LIV) con sede legale a Montecatini Terme, opera su tutto il territorio nazionale e internazionale ispirandosi alla cultura del rispetto, della tutela e valorizzazione dell’ambiente, del territorio e della legalità.  È impegnata nella salvaguardia dell’ambiente con fini protezionistici e di solidarietà. Svolge tutte le attività correlate alla natura e alle sue forme di vita, alle sue risorse e alle specie viventi, dalla sensibilizzazione del cittadino alla vigilanza attiva sul territorio. L’Associazione collabora con Istituzioni e amministrazioni e in caso di calamità e/o eventi particolari, salvaguardia del patrimonio ambientale e paesaggistico e controllo dei maltrattamenti agli animali e sulla loro corretta detenzione.  Si adopera nel sociale a supporto delle persone bisognose e in stato di difficoltà nel sostenerli ed aiutarli a mantenere e curare i propri animali. Divulga l’Educazione Ambientale, Zoofila e la tutela del patrimonio culturale e paesaggistico, particolarmente, nel mondo dei giovani e delle scuole, per diffondere una cultura della legalità e del rispetto delle regole, anche ai fini della prevenzione del bullismo secondo il nostro slogan “educa un bambino oggi, per avere un adulto consapevole domani”. Promuove la costruzione di rifugi e strutture per ricovero di animali abbandonati e/o bisognosi di ricovero. Svolge opera di sensibilizzazione verso le Istituzioni affinché siano attuate nel modo migliore a livello locale le disposizioni di legge in merito alla tutela degli Animali e dell’Ambiente e del Paesaggio.  Tramite volontari qualificati, accerta e persegue violazioni delle disposizioni in materia ambientale, zoofila, faunistica, ittica, contenute in norme statali e regionali, nonché nei provvedimenti istitutivi dei singoli Comuni. Crea appositi corsi per Guardie, Operatori e Volontari, seminari per valorizzare e specializzare i propri Soci e, chiunque abbia interesse a tale formazione. Recentemente ha, tramite una raccolta fondi, potuto fornire Il Reparto di Terapia Intensiva dell’Ospedale di Careggi di mascherine ffp2 e contribuito all’acquisto di un respiratore per l’Ospedale S. Jacopo di Pistoia.

Allegato Size
Vademecum e contatti utili 5.66 MB