Radio Lina arriva a scuola

Il progetto prevede sette trasmissioni radiofoniche su Radio Lady, in diretta con le classi. Giovannetta sarà la protagonista dell’avventura sulle onde medie

.

Empoli - La radio è arrivata in classe.

Ieri alle classi della scuola primaria di Ponzano e le classi 2A, 2B e 3B della Leonardo e la 2 classe dell’istituto Calasanzio è stato recapitato dal Postino del teatro un pacchetto una radio di nome Lina e una lettera.

La lettera contiene le istruzioni per usare questa particolare radio: “Ogni mercoledì alle 9.40 sintonizzatevi sulla frequenza fm 97.700, ci sarà un messaggio per voi!”.

Giallo Mare Minimal Teatro lancia così Radio Lina, un progetto promosso dal Comune di Empoli, che mira a coinvolgere i piccoli alunni delle primarie alla scoperta del magico mondo dell’etere e del racconto.

“Grazie al sostegno dell'amministrazione comunale di Empoli si sta sviluppando con successo il progetto “Territorio come scena”- spiega Renzo Boldrini, direttore di Giallo Mare Minimal Teatro- Dopo il grande successo de “Il centralino delle fiabe”, dove il gioco teatrale, la narrazione di storie si è trasferito sul filo del telefono, inizia adesso la diffusione animata delle radio.

Trasmissioni, dedicate alle scuole, ma non solo, che fanno parte di una più articolata interazione creativa fra gli operatori e le scuole, con l'obiettivo di una perfomance dal vivo che faccia incontrare i personaggi della saga radiofonica e il pubblico delle scuole.

Il progetto “Territorio come scena” proseguirà nei prossimi mesi con ulteriori azioni, rivolte a cittadini di tutte le età, che coniugano i linguaggi teatrali con la produzione di performance in streaming e produzione di materiale creativo da usufruire tramite i social e altri strumenti di comunicazione di massa”.

Grazie alla collaborazione con l’emittente radiofonica Radio Lady, ogni mercoledì alle 9.40, con replica il giovedì alle ore 14.15, per sette settimane, verrà trasmessa una speciale rubrica che racconterà in diretta le avventure di Giovannetta.

.

Giovannetta cerca aiuto dai ragazzi, perché Giovannino Perditutto, che si è messo in testa di fare uno spettacolo sulle sue avventure, è così sbadato che non perde la sua testa solo perché è attaccata al collo, figuriamoci se non ha perso parole, storie, musiche, scenografie dello spettacolo che vuole realizzare.

Con questo pretesto Giovannetta racconta delle storie, liberamente tratte da “Le avventure di Giovannino Perdigiorno” Gianni Rodari, e chiede ai ragazzi, attivando un processo d'interazione creativa, aiuti di vario genere per permettere che si completi lo spettacolo di Giovannino.

I ragazzi quindi diventano parte integrante del racconto, perché otre ad ascoltare diventeranno collaboratori di Giovannetta, producendo scenografie, testi e soluzioni alla storia da mettere in scena. Per arricchire la teatralità del percorso radiofonico sono previsti interventi visivi o sonori di attori in cortile o nel giardino della scuola in coincidenza di almeno una delle puntate del ciclo narrativo. 

.

L’ottavo incontro sarà effettuato in presenza, in ottemperanza delle normative anti covid, sfruttando gli spazi esterni della scuola.

Giovannetta potrà finalmente mostrare ai ragazzi lo spettacolo tanto desiderato con protagonista Giovannino Perditutto.

Gli insegnanti sono parte integrante del progetto, con loro sono previsti vari appuntamenti per pianificare al meglio le puntate e l’incontro in presenza con Giovannetta.

Per informazioni si può chiamare allo 0571/81629 – 83758 scrivere a info@giallomare.it.

 

(Fonte: Giallo Mare Minimal Teatro)