Il sito web della Rete REA.net si rinnova: da oggi consultabile online

Nuova versione del Portale delle biblioteche e degli archivi della Rete REA.net sempre raggiungibile all’indirizzo: http://reanet.empolese-valdelsa.it

.

EMPOLI – Da oggi è online la nuova versione del Portale delle biblioteche e degli archivi della Rete REA.net raggiungibile sempre all’indirizzo: http://reanet.empolese-valdelsa.it . Un new look del sito non solo nella veste grafica ma nella struttura logica alla base dell’organizzazione dei contenuti: questa è la novità principale del restyling.

IL NUOVO SITO WEB DI REA.NET - La realizzazione del nuovo sito web ha comportato una revisione delle strategie comunicative e di offerta dei servizi a distanza della Rete documentaria REA.net. Il nuovo sito integrerà in modo ancora più efficace i servizi offerti dalla piattaforma software in uso, la gestione e l’accesso alla Biblioteca digitale di Rete e ai servizi di MediaLibraryOnLine. Inoltre il nuovo Portale sostituirà i siti web delle singole biblioteche e archivi storici diventando il Sito web delle biblioteche e degli archivi storici della Rete REA.net. Questa nuova visione del sito web istituzionale del sistema bibliotecario è fortemente innovativa rispetto ai portali tradizionali delle reti documentarie, dove a una homepage spesso statica e di presentazione dei servizi si legano pagine dedicate alle singole biblioteche aderenti al sistema e nelle pagine delle singole biblioteche vengono comunicate attività e informazioni relative alla singola biblioteca tralasciando ciò che le accomuna alle altre biblioteche partecipanti al Rete bibliotecaria.

Il nuovo sito web della Biblioteca REA.net è invece suddiviso per aree tematiche comuni a tutte le biblioteche aderenti, le singole attività delle biblioteche pertinenti a una area si trovano all’interno dell’area tematica dedicata a quella attività specifica. Così, ad esempio, tutte le attività dedicate ai bambini e ai ragazzi di tutte le biblioteche della Rete REA.net trovano spazio nell’area “Ragazzi e bambini” divise per fasce d’età e con uno spazio dedicato anche alle informazioni per i genitori e gli insegnanti.

Le singole biblioteche hanno una spazio loro dedicato dove sono riportate le informazioni specifiche, ovvero orari di apertura, staff, attività e sezioni speciali di esclusiva pertinenza di una singola biblioteca.

La Rete REA.net ha da sempre come obiettivo principale l’unificazione dei servizi e delle funzionalità di tutte le biblioteche allo scopo di farle diventare un’unica biblioteca. L’adozione da parte della Rete REA.net di un software gestionale che unifica cataloghi, collezioni documentarie e base dati utenti e di una unica Carta dei Servizi che ha effettivamente uniformato modalità gestionali tra tutte le biblioteche, hanno trasformato i servizi resi ai cittadini in un unico servizio con diversi punti di accesso territoriali.

LA RETE REA.NET - Dal 1996 le Biblioteche e gli archivi dell'Empolese-Valdelsa e del Medio Valdarno lavorano insieme per fornire ai cittadini un servizio integrato. La Rete REA.net è nata con un Accordo di programma che lega le biblioteche di sette comuni dell'Empolese e del Medio Valdarno (Capraia e Limite, Cerreto Guidi, Empoli, Fucecchio, Montelupo, Santa Croce sull'Arno e Vinci), avviandole lungo un percorso di lavoro comune, al quale aderiscono nel 1997 i quattro comuni della Valdelsa (Castelfiorentino, Certaldo, Gambassi Terme, Montaione), nel 1998 Castelfranco di Sotto, nel 1999 la Fondazione Montanelli Bassi di Fucecchio e la Biblioteca Arturo Nord Sud di Santa Croce, fino alla adesione del 2001 della Biblioteca comunale di Montespertoli, che ha completato la presenza di tutti i soggetti istituzionali del Circondario Empolese-Valdelsa all'interno della rete. A questo nucleo si sono aggiunte la biblioteca del Liceo Virgilio di Empoli, quella dell'Agenzia Formativa della USL11 e infine le biblioteche della Casa Boccaccio di Certaldo e della Società storica della Valdelsa di Castelfiorentino. Organizzate come un'unica, grande biblioteca articolata sul territorio, le biblioteche delle Rete REA.net mettono a disposizione un patrimonio documentario di centinaia di migliaia di volumi, antichi e moderni; offrono la possibilità di ricevere nel proprio comune - attraverso il prestito interbibliotecario - i documenti delle altre biblioteche toscane (comunali, statali, universitarie) e di molte altre biblioteche in Italia e all'estero. Grazie ai progetti cooperativi finanziati dalla Regione Toscana le biblioteche della Rete REA.net lavorano in modo integrato con le altre agenzie di informazione e documentazione, ponendosi come vie di accesso locale alla conoscenza.