Contest non competitivo per tutti i bambini e ragazzi. Il sindaco Brenda Barnini: «Liberate la vostra fantasia, sarà la memoria storica della nostra città»

Disegnare, scrivere, fotografare o filmare, lasciandosi ispirare da quello che li circonda. C’è tempo fino al 10 maggio. Ecco come funziona

.

EMPOLI – Il Comune di Empoli invita tutti i bambini e i ragazzi, che vivono o studiano a Empoli, a liberare la propria fantasia e disegnare, scrivere, fotografarare o filmare, lasciandosi ispirare da quello che li circonda, in questo particolare periodo che stiamo vivdendo.
«In questi giorni difficili in cui dobbiamo tutti comportarci seguendo regole che hanno cambiato la nostra vita vogliamo pensare ancora di più ai nostri bambini e ragazzi. Vi propongo allora – scrive il sindaco di Empoli Brenda Barnini – di coinvolgerli in qualcosa di bello. Un racconto collettivo fatto dalla loro fantasia che dopo possa rimanere come testimonianza di questo momento».

Le creazioni vanno inviate entro il 10 maggio 2020, all'indirizzo mail: scuola@comune.empoli.fi.it, indicando nome, età e scuola frequentata.

Al termine dell'emergenza Coronavirus verranno raccolti gli elaborati originali per realizzare un'unica opera collettiva.

Sarà un contest non competitivo rivolto a tutti i bambini e i ragazzi che vivono o studiano nel Comune di Empoli.

 

IL MESSAGGIO DEL SINDACO Brenda Barnini e COME PARTECIPARE

Cari bambini, Cari ragazzi, questo messaggio è per voi.

Prendete i colori, prendete carta e penna, prendete la videocamera, prendete tutta la vostra creatività e diteci cosa fate quando siete a casa. Vogliamo sentire la vostra voce, ammirare i vostri disegni, leggere i vostri pensieri.

Stiamo vivendo un momento molto particolare, sono cambiate le abitudini di tutti, da quelle dei più grandi a quelle dei più giovani, bisogna rimanere a casa, in televisione e nei giornali non si parla d'altro... Forse un giorno ne parlerà perfino un libro di storia!

Ormai sappiamo tutti quanto sia importante restare a casa, per tutelare noi stessi e chi ci è più caro, per tornare il prima possibile alle nostre vite.

Stare a casa può essere difficile, si sente la mancanza della scuola, degli amici, degli insegnanti, a volte ci si sente anche un po' soli, ma non bisogna dimenticare che ci sono tanti modi per stare insieme.

Stare a casa può essere un'occasione per riscoprire i propri talenti, i propri pensieri, le proprie passioni, può essere quindi un'occasione per condividere la nostra riscoperta. 

Con il vostro prezioso contributo vogliamo creare una grande opera collettiva di disegni, pensieri, testimonianze, racconti, poesie, filmati e fotografie, nati dalla fantasia dei bambini e dei ragazzi di Empoli, affinchè possano raccontare come stanno vivendo  questo momento così particolare, quali emozioni e quali sentimenti stiano provando.

È attraverso l'arte che vogliamo ritrovarci e confrontarci, lontano dagli schermi almeno per una volta, per raccontare, in questo delicato momento, noi stessi, le nostre vite, quello che proviamo e che sentiamo.

Questa grande opera collettiva, di cui voi sarete gli artisti, sarà la memoria storica della nostra città. Vogliamo lasciare una testimonianza indelebile di questo tempo, e di come noi lo abbiamo affrontato.

COME FARE?

Guardati intorno, la tua casa è un piccolo mondo pieno di cose meravigliose che parlano di te, della tua famiglia e di questi giorni particolari. Non è difficile trovare l'ispirazione giusta. Fai un pensiero, fissa un dettaglio, un oggetto o un paesaggio, dialoga con la tua famiglia: sarà questo il soggetto della tua creazione. Puoi prendere un cartoncino e fare un disegno, usando quello che ti piace di più: matite, pennarelli, acquerelli, tempere, collage; se vuoi puoi completarlo con una frase. Se ti piace scrivere, puoi scrivere una poesia, un racconto o una riflessione. Se preferisci, scatta una foto, gira un filmato.

Invia la foto della tua creazione (o invia il tuo filmato), entro il 10 maggio, all'indirizzo mail scuola@comune.empoli.fi.it , indicando il tuo nome, la tua età e la scuola che frequenti.

Aspettiamo il tuo contributo!

.