In biblioteca anche la targa per ricordare la piccola Martina Caporaso

Nel 2012, a dieci anni dalla scomparsa, le fu dedicata una saletta della sezione ragazzi della ‘Renato Fucini’

.

EMPOLI – Adesso il disegno di Martina si è trasformato in una vera e propria targa all’ingresso della saletta di lettura a lei dedicata, nel giugno del 2012. all’interno della Biblioteca Comunale ‘Renato Fucini’ di Empoli.

Nei giorni scorsi è stata affissa la targa in memoria di Martina Caporaso, una bambina prematuramente scomparsa nel 2002, a soli 10 anni.

Le fu dedicata una sala di lettura all’interno della Sezione Ragazzi, una scelta che si andava ad allineare con la grande passione che la piccola aveva per la scrittura. Fu un momento per dare risalto all’impegno costante e prezioso che la biblioteca empolese ha sempre riservato alla promozione del valore della conoscenza dei libri per l’infanzia.

Dopo tutti questi anni il disegno di Martina, che salutava a i bambini all’ingresso della saletta, spesso dedicata anche ai tanti laboratori organizzati alla ‘Fucini’, è stato sostituito da una targa che riporta la data di nascita e quella della scomparsa della piccola.  Sulla targa anche una citazione di Ernest Hemingway “Non c'è nessun amico più leale di un libro“.

Un ringraziamento profondo e sincero arriva dalla famiglia, mamma Annamaria, il padre Nazareno, e i fratelli Maristella e Alessio, al direttore della biblioteca Carlo Ghilli, all’ex assessore alla cultura Eleonora Caponi e all’ex preside della scuola elementare di Ponte a Elsa Mario Bianchi, per la sensibilità prestata.