Empoli che scrive: “Un salto al buio”

Apriti Biblioteca!

.

Orario: 21

Nel libro l’autrice ci racconta come tutto possa cambiare in una manciata di ore, come i destini di un gruppo di persone siano così inesorabilmente legati gli uni agli altri che un “forse” diventa la distanza tra un fatto e un miracolo. 

IL LIBRO - Una mattina di aprile, una manciata di ore e tutto cambia. Via Monicelli, davanti al numero 106. Tommaso è un padre stanco, si è seduto sul cornicione e tiene la figlia Caterina per mano. Caterina è una ragazzina consapevole e innamorata. Nazario è un mediatore, sta facendo una lavatrice quando viene chiamato per soccorrere un potenziale suicida. Benedetto ha salutato il padre Nazario per andare al liceo. Attilio è un poliziotto dallo sguardo attento, puntato verso il terrazzo del settimo piano. Un forse è la distanza tra un fatto e un miracolo. Forse Tommaso si butterà dal terrazzo, forse Nazario lo fermerà, forse Caterina e Benedetto lasceranno crescere un amore, forse Attilio riuscirà a intravedere il frutto delle possibilità. E poi c'è Birillo, il cane della portinaia... 

L’AUTRICE - Catia Lari Faccenda nasce a Firenze nel 1962, ma vive in collina a Vinci, a pochi passi dalla casa natale di Leonardo. E’ una esploratrice di parole: scrive e illustra le sue storie. Studia arte, lavora come grafica, disegna fumetti. Con le sue tavole ha partecipato a due edizioni di Lucca Comix. In seguito ha fatto anche la restauratrice di affreschi a Firenze, Pistoia e ad Arezzo. Studia canto lirico, musica contemporanea con il compositore Marco Lenzi, musica antica e musica di tradizione orale. Fonda il quartetto Artemisia e il duo Nuda voce. È attiva nel collettivo Superazione che si occupa di arte contemporanea. Scrive costantemente: narrativa, teatro, testi per canzoni. Tuttora illustra storie per i più piccoli. 

Ingresso libero.

Contatti:
Biblioteca: 0571 757840; biblioteca@comune.empoli.fi.it
Sezione Ragazzi: 0571 757873; sezione.ragazzi@comune.empoli.fi.it

Argomenti: